14/09/2019
Il rientro a scuola: ritmi e cambiamenti
by Elisa Prete

Le vacanze hanno portato ad acquisire ritmi diversi agli studenti è così che si ritrovano in questi giorni ad interrompere le loro abitudini estive e riprendere scuola. Come si preparano gli insegnati ad accogliere gli studenti? Lo chiediamo all'insegnate Maria Aiello in una breve ma intensa intervista.

1. La pausa estiva porta con se relax e attività di svago per i ragazzi, per altri è tempo trascorso con i nonni, per altri sveglia tardi e nn troppi impegni o responsabilità. Un cambio abitudini che può influenzare la ripresa della routine scolastica. Come si affronta un tale cambiamento?
Il rientro a scuola è certamente il ritorno ad uno schema orario e comportamentale che si discosta notevolmente  da quello che i ragazzi hanno vissuto durante l'estate. La prima difficoltà per loro è riabituarsi al semplice dover riprendere a stare seduti per 4/5 ore di seguito a dispetto di una estate trascorsa all'insegna del movimento e della libertà.
Contemporaneamente vivono con estrema emozione e gioia il ritrovare i compagni di classe, con cui magari si sono anche incontrati durante le vacanze, rafforzando la loro amicizia.
La soluzione a questo rientro alle abitudini è un rientro graduale certamente, ma preciso e diretto nell'espletamento di regole e schemi, affinché fin dal primo giorno possano diventare azioni di default.
 
 2. I programmi didattici sono pronti, quanto è stato considerato anche per lo sviluppo delle soft skills che sempre più interessano le aziende?
I programmi didattici vengono pianificati cercando di far crescere un adulto che sappia lavorare in gruppo e vivere con serenità e partecipazione attiva, la piccola società "classe" in cui vive. Aldilà delle esigenze aziendali, ogni individuo dovrebbe riuscire a sviluppare le soft skills per una migliore crescita personale e del gruppo famiglia o amici in cui è inserito.
 
 3. Si parla molto di prodotti ecologici e sostenibili, ritiene che i ragazzi siano sensibili a questi argomenti, in particolare sanno quanto è anche importante il loro contributo?
I ragazzi stanno mostrando di avere grande sensibilità sul tema ambiente, ma il lavoro da fare per informarli è ancora tanto. Noi adulti dovremmo avere una migliore percezione del disastro che si sta perpetrando ai danni del pianeta e dovremmo essere i primi a dare un forte segnale di cambiamento di rotta dalle nostre insane abitudini. Noi siamo l'esempio e dobbiamo, ogni giorno, compiere gesti che possano ispirare i ragazzi. Sono certa che informandoli e sensibilizzandoli, guidandoli a piccoli accorgimenti iniziali per salvaguardare il pianeta, saranno loro i "rivoluzionari" a favore dell'ambiente e riusciranno a cambiare il mondo.
 
Buon inizio anno scolastico a tutti gli studenti.
 

 

Newsletter

Copyright © 2018 - All Right Reserver - P.iva 00506510650
credits.Kreisa